Diario del Festival della gioventù dell'Euregio 2018

Dal 21 al 24 marzo 2018 si svolge ad Alpbach, Salorno e Levico Terme  la settesima edizione del Festival della Gioventù dell’Euregio. Sfogliando il diario online potete visionare in ogni momento il ricco programma nonché conoscere le esperienze fatte dai 90 giovani partecipanti provenienti dal Tirolo, dall’Alto Adige e dal Trentino.

Testo: Meri Dallapè, Veronica Cancedda

>> VIDEO sulla 7° edizione del Festival della Gioventù dell'Euregio 2018

 

Euregio-Jugendfestival 2018

Mercoledì, 21 marzo 2018 e giovedì, 22 marzo 2018

Per la 7° Edizione del Festival della Gioventù dell’Euregio, il nostro viaggio inizia a Trento, il giorno mercoledì 21 marzo 2018.

Proseguiamo sino a Bolzano, dove a noi si uniscono i nostri compagni d’avventura altoatesini. Superato il confine e giunti ad Alpbach, ci congiungiamo con i ragazzi austriaci.

Euregio-Jugendfestival 2018

L’emozione è tanta, l’aria fresca e le montagne a delineare il paesaggio rendono il tutto ancora più unico. Così, dopo aver sistemato i bagagli in hotel, siamo pronti per ascoltare le parole del Sig. Matthias Fink, dei suoi collaboratori, del Sindaco di Alpbach…. la presentazione dell’Euregio, con simpatici quiz e le nostre foto con relative descrizioni appese sui cartelloni e qualche battuta, hanno reso subito il clima amichevole. Il tutto accompagnato da un’ottima cena.

Insomma, che la nostra avventura abbia inizio!

I partecipanti del Festival della gioventù

Giovedì 22 marzo 2018, dopo una ricca colazione raggiungiamo il Centro Congressi di Alpbach e iniziamo i lavori, divisi in tre gruppi. Le tematiche proposte sono:

  • Erasmus +: mobilità per gli studenti
  • Produzioni alimentari sostenibili nell’Euregio
  • Lavorare e studiare nell’Euregio

Il tutto, introdotto e seguito con la partecipazione rispettivamente degli esperti Paolo Chiocchetti, Clemens Mair e Matthias Fink. Successivamente, i moderatori di ogni gruppo, sia in lingua italiana che tedesca, con il sussidio di cartelloni riassuntivi, hanno esposto il lavoro svolto. Alle ore 12.30, pranziamo in un ristorante tipico. Poi si riparte, destinazione: Vipiteno. Qui, abbiamo avuto la possibilità di visitare e conoscere la storia della Latteria Vipiteno, apprendendo le metodologie e la scelta delle materie prime utilizzate. Per concludere la visita, abbiamo degustato i loro prodotti, che tra yogurt bio e alla frutta, hanno soddisfatto tutti. Risaliti sul bus, arriviamo ad Ora dove ceniamo e depositiamo le valigie negli alloggi. Verso le ore 20.00 partiamo per Bolzano, ci aspetta una bella serata, il Torneo Euregio di Bocce. A chi sia stata la squadra migliore nessuno ha interessato, lasciando spazio a tante risate, divertimento e gioco di squadra.

E’ venerdì 23 marzo e siamo già al terzo giorno della nostra avventura. Pronti e pieni di energie, alle 8.30 siamo all’opera per approfondire le tematiche e proseguire con gli elaborati. Al gruppo che si occupa delle produzioni alimentari sostenibili nell’Euregio, spetta una lezione diversa. A contatto con la natura, la nostra mattinata di lavoro, prosegue con la visita ad una Azienda Agricola della zona, dove il proprietario (nonché agricoltore), il Signor Uccelli, ci parla degli aspetti fondamentali per una produzione di vini biodinamici, ma anche di castagne e molto altro. Mettendo in primo piano, la terra, ciò che la compone, gli animali come ruolo fondamentale per questo tipo di lavorazione e l’uomo, tra spirito ed anima, capiamo che dietro a una bottiglia di vino, c’è molto di più. Capiamo che la qualità non ha prezzo ed invogliandoci a riflettere, ci offre anche la merenda; a base di prodotti tipici e alimenti fatti in casa. La visita termina e ricongiungendoci con il gruppo, iniziano le esposizioni. Pranziamo e siamo pronti per raggiungere la prossima meta, ci dirigiamo quindi a Borgo Valsugana. Arriviamo così, al museo all’aperto Arte Sella, qui, incantati dalla voce della natura ammiriamo ed ascoltiamo le storie di queste opere d’arte, costituite da legno, fango e giornali. In autobus, diretti a Levico Terme, si parla ancora di quell’incantevole posto. Arrivati a destinazione e sistemato il tutto nelle stanze d’hotel, ceniamo in un clima molto elegante. E’ venerdì sera, abbiamo proprio voglia di sfogarci e di divertirci insieme, la serata sociale cade a pennello. Tra giochi, balli ma anche momenti di riflessione, ci conosciamo meglio. Questa serata passata in compagnia, ci ha trasmesso lo spirito giusto per affrontare l’ultimo giorno.

 

Giunti a sabato 24 marzo, all’ultimo giorno di questa fantastica e ricca esperienza, le cose da fare sono ancora tante. Dobbiamo concludere i nostri discorsi riassumendo ciò di cui abbiamo trattato nei diversi gruppi di lavoro, nelle giornate precedenti. Creare una presentazione con delle slide efficaci che ci permettano di dare il massimo, durante l'esposizione finale. Siamo stati omaggiati dalla presenza dell’assessora di Bolzano e del dottor (consulente e professore) Zorzi Giuseppe. Aver avuto l’opportunità di essere ascoltati ed aver accolto le nostre proposte, ci ha fatto molto piacere, dandoci uno spunto da cui partire nella vita scolastica di tutti i giorni. Invogliandoci ancor più di prima, a prendere parte alla vita sociale e politica delle nostre regioni. Trasmettendo anche, ai nostri coetanei e compagni di scuola, le diverse possibilità ed offerte in ambito lavorativo, culturale, formativo e di volontariato, proposte e portate avanti dall’Euregio. L’incontro termina con la consegna degli attestati di partecipazione, sia al Festival della Gioventù che al Torneo di Bocce. Alle ore 12.30 pranziamo presso l’hotel e ci dirigiamo verso l’autobus, che vi avrebbe riportato a casa. Sul bus, tra una parola in tedesco e due in inglese, si parla di questa avventura, creata e resa unica da noi, con la promessa, un domani di rincontrarci.


Condividi:  Facebook google+ twitter