News

Al via l’Euregio-Atelier a Castel Tirolo

L’Euregio Atelier è tornato con la sua seconda edizione a Castel Tirolo e ospiterà tra oggi e domani rinomati filosofi e intellettuali da tutta l’Euregio che si confronteranno con domande di stretta attualità: identità e futuro dell’Europa e dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino.

Leo Andergassen bei seinen Begrüßungsworten
Zoomansicht Leo Andergassen bei seinen Begrüßungsworten

Oggi nel primo pomeriggio è iniziato l’Euregio Atelier a Castel Tirolo. Leo Andergassen, “padrone” di Castel Tirolo e Valentina Piffer, Segretario generale del GECT Euregio, hanno portato i loro saluti alla platea, tra cui nomi noti come Roland Benedikter, Giuseppe Zorzi, Günther Rautz, Paolo Zanenga, Eva Lichtenberger e Rainer Weissengruber.

Come si evince già dal titolo „Identità multiple in un mondo “glocale””, tra oggi e domani il dibattito si incentrerà in primo luogo sul processo di integrazione europea e sull’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino. Oltre a questo verranno approfondite da parte dei relatori le questioni relative alla futura identità dell’Europa.

I conflitti armati del 20 ° secolo sono impressi nella memoria collettiva dell’Europa. L’Europa come progetto di pace e sviluppo, tuttavia, si è incrinato. Il 60° anniversario dei trattati di Roma del mese scorso è stato accompagnato da cinque scenari per un futuro Europa proposto dal Presidente Jean-Claude Juncker.

Soprattutto per le giovani generazioni, e di fronte alle sfide globali, l’UE offre apparentemente pochi spunti per dar luogo a un’identità europea capace di far superare quelle nazionali. D’altra parte, la storia del Sud Tirolo, e iniziative come l’Euroregione Tirolo-Sud Tirolo-Trentino mostrano che le identità regionali occupano un posto sempre più importante. Una cooperazione transfrontaliera, la quale cerca di avvicinare nuovamente le aree che un tempo appartenevano ad un unico territorio e allo stesso tempo di superare i confini nazionali nello sfondo.

Pienamente in sintonia con il processo di integrazione europea, in questo modo l’area culturale ed economica, la quale vanta un’eredità centenaria, viene nuovamente definita e vissuta. La cooperazione, che si spinge oltre gli stati nazionali, offre delle possibilità a chiunque, basta solamente poterle utilizzare.

L’Euregio-Atelier è parte fondamentale della seconda tappa della Accademia Euregio. Attraverso questa esperienza i 45 giovani partecipanti si possono confrontare con dibattiti e discussioni pubbliche e ricavarne così una visuale dei temi più rilevanti per l’intera Europa.


» Tutte le news


Condividi:  Facebook google+ twitter