News

Polis Europa: ”E` necessario un radicale cambio di prospettiva per rivitalizzare lo spirito europeo.”

Presentata al Forum europeo di Alpbach la pubblicazione che raccoglie le riflessioni emerse nel convegno dell’Atelier Euregio.

Pubblicazione in seguito al primo convegno dell'Atelier Euregio presso il Forum Europeo di Alpbach. Foto: Philipp Naderer
Zoomansicht Pubblicazione in seguito al primo convegno dell'Atelier Euregio presso il Forum Europeo di Alpbach. Foto: Philipp Naderer
Nella foto (in prima fila, da sin.): Serena Baccaglini, Rainer Weissengruber, Paolo Zanenga (Diotima Society), Franz Fischler (Forum Europeo di Alpbach) e Josef Bletzacher (NMS Alpbach); (in seconda fila, da sin.: Matthias Fink (Ufficio dell’Euregio), Günther Rautz (EURAC), Markus Bischofer (sindaco di Alpbach) e Georg Hechenblaikner (Centro congressi di Alpbach)

L’Europa ha bisogno di una nuova formula per esprimere la forza dell’unità nella diversità. E` questo il pensiero che ha accompagnato il convegno dell’Atelier Euregio svoltosi lo scorso aprile a Castel Tirolo. Al centro dell’analisi gli impulsi che l'Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino con la sua realtà plurilingue può dare all'integrazione europea. Quindici esperti hanno offerto il proprio contributo alla riflessione, ora raccolto in una pubblicazione trilingue presentata e discussa al termine del Forum europeo di Alpbach.

Il Forum europeo di Alpbach con i suoi 5.000 e più visitatori provenienti da tutto il mondo ha offerto una cornice ideale alla presentazione del libro appena pubblicato dall’Accademia europea di Bolzano. Insieme a Franz Fischler, Presidente del Forum europeo di Alpbach, i curatori Matthias Fink (Ufficio comune dell’Euregio), Günther Rautz (EURAC), Rainer Weissengruber e Paolo Zanenga (Diotima Society) si sono confrontati sulle attuali sfide che impegnano l’Unione Europea, dalla crisi economica alla Brexit e al flusso di profughi. “Quest’anno il Forum di Alpbach è dedicato alla ricerca di un “nuovo Illuminismo”. Abbiamo bisogno del pensiero autonomo anche per poter dare nuovi impulsi all’Europa”, afferma Franz Fischler sottolineando con soddisfazione il contributo fornito dall’Atelier Euregio.

Durante la presentazione del libro è emerso con chiarezza che l’identità europea non risulta soltanto dalla somma degli stati nazionali, ma si fonda su un sistema sovranazionale e sull’interazione di numerosi e multiformi elementi. L’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino gioca un ruolo particolare in Europa. ”Nonostante si tratti di due Stati, tre territori e tre lingue ufficiali vi è un forte senso di comuneappartenenza. L’Euregio Tirolo-Alto Adige- Trentino rappresenta quindi un tipico spazio di relazione, reso possibile da uno scambio umano e culturale che dura da secoli“, ha precisato Günther Rautz dell’Accademia europea di Bolzano (EURAC), coordinatore scientifico dell’Atelier.

Il luogo della presentazione non è stato scelto a caso: Alpbach, con il suo Forum europeo e il nuovo Centro congressi, ampliato recentemente, sta diventando sempre più un vero e proprio centro intellettuale dell'Euregio. “Da Castel Tirolo passando per Alpbach gettiamo un ponte nel futuro. Riflettere sui risultati dell'Atelier qui presso il Forum europeo di Alpbach costituisce una buona base dalla quale possono scaturire nuovi progetti per l'Euregio", sostiene convinto Matthias Fink dell’Ufficio comune dell’Euregio, uno dei curatori della pubblicazione. 

 

Euregio-Atelier si propone come un circolo di pensiero per l’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino, aperto al contributo di tutti. Il primo convegno dell’Atelier è stato organizzato a Castel Tirolo nell’aprile 2016 dall’Ufficio comune dell’Euregio in stretta collaborazione con l’Accademia europea di Bolzano e il network di innovazione di Diotima Society con sede a Milano. Ulteriori informazioni sul sito www.europaregion.info/atelier .


» Tutte le news


Condividi:  Facebook google+ twitter