News

Trentino: La stagione di Arte Sella dedicata alla cura

Da più di trent’anni Arte Sella genera momenti di riflessione sulla relazione, necessaria e a volte sofferta, dell’uomo con la natura. In un’epoca di cambiamenti veloci, di globalizzazione e di social network, fermarsi a osservare e ascoltare la natura, percependo ciò che l’arte fa risuonare in noi è tutt’altro che scontato. Arte Sella dedica il suo 2017 a un aspetto cardine della società umana: la cura.

La stagione di Arte Sella dedicata alla cura
Zoomansicht La stagione di Arte Sella dedicata alla cura

Cura che può essere di se stessi, dell’altro o dell’ambiente circostante. Arte Sella intende omaggiare l’atto del prendersi cura di con una stagione in cui arte, danza e pensiero richiamano a questa attività. Sabato 10 giugno il maestro Michelangelo Pistoletto ha presentato al pubblico la sua opera La Trincea della Pace, un inno a un rinnovato umanesimo, un auspicio per l’uomo a coniugare l’hic et nunc con l’infinito, servendosi delle conoscenze raggiunte per costruire con la natura una sintonia profonda e vera. Non c’è più molto tempo, quindi, per decidere consapevolmente di dar vita a un cambiamento profondo, basato sulla consapevolezza e sul rispetto tra esseri umani e tra questi e il pianeta.
Oggi in Provincia la conferenza stampa di presentazione con: Giacomo Bianchi, presidente di Arte Sella; Ugo Morelli, professore di Psicologia del lavoro e dell'organizzazione e di Psicologia della creatività e dell'innovazione, nonché responsabile progetto Handling with Care per Arte Sella; Roberto Casarotto, curatore dei progetti di danza internazionale per Operaestate Festival Veneto e direttore artistico di Arte Sella / Danza; Raffaella Pannuti, presidente della Fondazione ANT Italia Onlus.

Da tempo Arte Sella ha attivato Arte Sella Education, un programma di iniziative educative volte a favorire e sostenere l’apprendimento del futuro. Arte Sella Education si articola in percorsi educativi rivolti al mondo della scuola che prevedono visite in gioco e laboratori creativi in natura progettati per gruppi di bambini e ragazzi di diverse fasce d’età, dalla scuola dell’infanzia alla scuola secondaria di primo e secondo grado, che sono tenuti in collaborazione con la cooperativa La Coccinella di Cles e momenti di formazione e aggiornamento dedicati agli adulti (seminari, workshop e laboratori), per chi nella propria esperienza di vita e professionale è impegnato responsabilmente nell’educazione, nella cura e nella direzione di gruppi di lavoro. Per questo dal 2016 ha attivato il progetto Handling with Care, una serie di incontri incentrati proprio sul maneggiare con cura, ovvero usare delicatezza nel rapporto professionale con l’altro. Attraverso Handling with Care Arte Sella si propone di connettere l'arte, la natura con la cura e l'educazione. Il progetto, che ha costituito un vero e proprio aggiornamento professionale per operatori socio-assistenziali e insegnanti, riprenderà in autunno.

Arte Sella ha intessuto inoltre da qualche anno un rapporto significativo con l’esperienza bassanese di Dance Well, un progetto di ricerca e movimento dedicato ai portatori del morbo di Parkinson che punta a includerli in performance di danza contemporanea. Il progetto è nato nel 2013 nell’ambito del progetto europeo ACT YOUR AGE per la promozione del dialogo intergenerazionale e dell’invecchiamento attivo attraverso l’arte della danza promosso dal Comune di Bassano del Grappa con la sua Casa della danza in partnership con il Nederlandse Dansagen Festival di Maastricht (Olanda) e il Dance House Lemesos (Cipro). Da due anni la collaborazione tra Bassano Operaestate Festival e Arte Sella ha favorito la sperimentazione di Dance Well presso l’Area di Malga Costa. Lo scorso 3 giugno una classe di Dance Well ha danzato accanto alle opere, creando un momento di delicata magia.

Arte Sella sta intessendo un rapporto anche con Fondazione ANT Italia Onlus, che dal 1978 si occupa di assistenza specialistica domiciliare gratuita ai malati di tumore, prevenzione oncologica e ricerca clinica. Nel corso del 2016 Fondazione ANT ha attivato The Look of Life, il primo progetto di realtà virtuale a domicilio pensato per alleviare i sintomi della malattia oncologica.  Lo studio - nato dalla collaborazione tra ANT, associazione MenoMale, centro HIT dell’Università di Padova diretto dal professor Luciano Gamberini e società di produzione video DeyeVR - si concentra sull’utilizzo delle nuove tecnologie per migliorare la qualità della vita dei pazienti oncologici, riducendo l’impatto negativo della malattia e dell’isolamento socio-sensoriale. Diversi studi hanno già dimostrato le potenzialità di video interattivi immersivi a 360° nell’alleviare e migliorare alcune particolari condizioni cliniche e psicologiche, legate a patologie oncologiche o altre malattie croniche invalidanti. Ora ANT fa un passo in più, testando l’utilizzo della realtà virtuale (VR) direttamente a domicilio dei pazienti con la supervisione degli psicologi e proponendo contenuti realizzati ad hoc, basandosi sui desiderata dei pazienti stessi. ANT ha scelto Arte Sella come protagonista di una delle esperienze immersive da proporre ai pazienti. La collaborazione, avviata alcuni mesi fa, sfocerà nella realizzazione di un video a 360° per fruire, a domicilio, delle bellezze paesaggistiche e artistiche dei sentieri di Arte Sella.

Fonte: Ufficio stampa Arte Sella


» Tutte le news


Condividi:  Facebook google+ twitter