News

Scuola dell’infanzia ladina partecipa a progetto europeo “Plane”

Sviluppo della lingua nelle scuole dell’infanzia: approvato il progetto europeo "Plane". Vi prenderà parte anche la scuola dell’infanzia "Salieta" di Ortisei

Un sopralluogo del 2018 alla scuola dell'infanzia "Salieta " di Ortisei dell'assessore Alfreider con la direttrice Ploner (Foto: ASP)
Zoomansicht Un sopralluogo del 2018 alla scuola dell'infanzia "Salieta " di Ortisei dell'assessore Alfreider con la direttrice Ploner (Foto: ASP)

La partecipazione al progetto "Plane" della Scuola dell’infanzia "Salieta" di Ortisei è stata possibile grazie al contributo della rete Sweden Emilia-Romagna Network (SERN), un network bilaterale che supporta le autorità locali e regionali di Italia e Svezia nella formulazione e gestione di progetti a livello regionale, nazionale ed europeo. Il progetto europeo “Plane – Developing Language in Pre-schools”, è stato approvato dall’Agenzia Nazionale Svedese e verrà finanziato all’interno del programma di finanziamento europeo Erasmus+ KA2 nell’ambito dei partenariati strategici tra scuole.

L’obiettivo del progetto è quello di migliorare la qualità dell’apprendimento nelle scuole dell’infanzia italiane, ladine, svedesi e croate in relazione al tema dello sviluppo linguistico, con focus particolare sul ruolo dell’apprendimento digitale e dello storytelling. Pertanto, per raggiungere questo obiettivo, le attività previste dal progetto "Plane" sono tre seminari di formazione per il personale delle scuole dell’infanzia che si svolgeranno in Italia, Croazia e Svezia e tre incontri di coordinamento che serviranno a organizzare e monitorare le attività progettuali.

Costante impegno nel campo linguistico

Per l'assessore alla scuola e alla cultura ladina, Daniel Alfreider, questo progetto è di grande importanza, perché mette a confronto, in un contesto internazionale, due aspetti importanti della didattica moderna, ovvero il multilinguismo e la digitalizzazione. “Le competenze linguistiche sono competenze chiave nel mondo del lavoro e dell’economia, esse sono un elemento importante nell’apprendimento permanente. Il panorama educativo ladino è costantemente impegnato a migliorare la conoscenza e l’insegnamento delle lingue, favorendo quindi uno scambio continuo con le altre realtà europee", sottolinea Alfreider.

“Lo sviluppo e miglioramento delle competenze plurilinguistiche, in ogni ordine di scuola, rappresenta uno degli obiettivi fondanti della scuola delle località ladine, per il quale si lavora in maniera ampia confrontandosi con altri sistemi scolastici. La possibilità di confronto fra scuole dell’infanzia svedesi, croate, italiane e ladine apre nuove prospettive al personale pedagogico e dà nuovi stimoli per la riflessione sul proprio approccio linguistico”, afferma Edith Ploner, responsabile della Direzione istruzione e formazione ladina.

Progetto biennale in Italia, Croazia e Svezia

Il progetto avrà una durata di 24 mesi (autunno 2020 – agosto 2022) e coinvolgerà 4 scuole dell’infanzia appartenenti a Italia, Croazia e Svezia. Le scuole che intraprenderanno assieme questo percorso progettuale sono: (lead partner) Bjälbotulls förskola, Mjolby (Svezia); Scuola dell’infanzia Salieta, Direzione delle scuole dell’infanzia Ladinia, Ortisei (Italia); Dječji Vrtić Kalimero, Brtonigla - Scuola dell'Infanzia Calimero, Verteneglio (Croazia); Scuola dell’infanzia Il Pulcino - Istituzione ai servizi sociali "Davide Drudi", Meldola (Italia).

Per ulteriori informazioni sul progetto Plane.  

ASP/fg


» Tutte le news


Condividi:  Facebook google+ twitter