News

Intesa su modifica dello Statuto per finanziamento autonomia

Via libera questa mattina (16 dicembre) della Giunta provinciale altoatesina al testo di legge in discussione al Senato sul nuovo patto di garanzia Roma-Bolzano circa il finanziamento dell'Autonomia. Si va verso una modifica dello Statuto, il premier Renzi ha firmato la nota informativa per Vienna, gruppo di lavoro all'opera per risolvere il nodo sulle competenze.

Nuovi rapporti finanziari fra Roma e Bolzano
Zoomansicht Nuovi rapporti finanziari fra Roma e Bolzano

"Si tratta di un grande risultato che contribuisce a rafforzare ulteriormente l'autonomia altoatesina". Con queste parole, il presidente Arno Kompatscher ha annunciato l'intesa della Giunta provinciale al testo di legge presentato dal governo e prossimo alla discussione in Senato. "Nel nuovo pacchetto di emendamenti alla legge di stabilità - ha proseguito Kompatscher - ci sono tutti i passaggi che avevamo concordato nell'ambito dell'accordo sul patto di garanzia fra Roma e Bolzano".

Ciò comporterà anche il via libera alla revisione del titolo 6 dello Statuto di autonomia, l'unico modificabile con una legge parlamentare "rinforzata" dall'intesa con le due province autonome e con la Regione, ma senza bisogno di una legge costituzionale. L'ok della Regione è motivato principalmente dal fatto che il nuovo assetto finanziario dell'autonomia prevede una riduzione della quota di IVA da assegnare a questo ente, il quale passerà da 2/10 a 1/10. Di conseguenza, crescerà l'importo destinato alla Provincia di Bolzano e a quella di Trento, che in futuro incasseranno non più i 7/10, bensì gli 8/10 dell'imposta sul valore aggiunto prodotta sul territorio .

"Oggi - ha annunciato Arno Kompatscher - il premier Matteo Renzi ha anche sottoscritto la nota informativa che verrà inviata al cancelliere austriaco Werner Faymann, con la quale, facendo riferimento alla quietanza liberatoria di fronte all'ONU del 1992, l'Italia dichiara di aver trovato un nuovo accordo per il finanziamento dell'autonomia. Lo Stato nazionale, inoltre, ribadisce la volontà esplicita di trovare un'intesa con le minoranze linguistiche interessate per ogni nuova modifica della situazione esistente". Sempre a tale proposito, il presidente altoatesino ha informato la Giunta che il gruppo di lavoro misto nominato di recente ha avviato la prima fase di revisione dello Statuto.

"Si tratta di un compito piuttosto urgente - ha spiegato Kompatscher - e l'obiettivo è quello di arrivare in tempi brevi ad una bozza di legge costituzionale per la modifica di alcuni articoli. L'obiettivo prioritario è quello di recuperare alcune delle competenze messe in dubbio dal 2001 in poi da una serie di sentenze della Corte Costituzionale, quello di tutelare l'autonomia da future ingerenze dello Stato, ma anche quello di individuare possibili nuove competenze da assumere, a partire da quelle in tema di ambiente". I componenti del gruppo di lavoro sono Christoph Perathoner, Karl Zeller, Esther Happacher, Lorenzo Dellai, Francesco Palermo, Marco Boato, Luca Zeni, Roberto Toniatti, Giuseppe Detomas e Giuseppe Volpe.

mb


» Tutte le news


Condividi:  Facebook google+ twitter